mercoledì 18 febbraio 2015

Passeggiando per Torino m'imbatto in una Fetta di Polenta

Questa domenica nevicava e siamo rimasti a casa: un sonnellino in più e qualche lavoro da portare avanti. Sarei uscita volentieri per pattinare sul Lagone ghiacciato e lasciare le mie impronte sui sentieri innevati attorno, ma un po' di riposo non guasta. Oltretutto la mia passeggiata l'avevo già fatta: venerdì ero a Torino.

Torino è una città che non conosco. Sono una "piemontese per caso" e le mie origini mi portano a Milano. In questa punta estrema, poi, siamo talmente lontani dal resto del Piemonte da sentirci più affini ai lombardi: raggiungere Torino con i mezzi di trasporto pubblici è un'avventura rocambolesca.
La storia stessa ci ha resi milanesi prima che piemontesi.

In ogni caso, eccomi di nuovo a zonzo per Torino.
Il bello di Torino è che scendi dal treno e sei già in centro: e dal centro raggiungi i quartieri interessanti con una passeggiata corroborante. Quasi sempre col naso all'insù.
Nella mia testa ho disegnato una mappa della città: non credo corrisponda alla realtà, ma con queste coordinate riesco a orientarmi e ogni volta aggiungo una strada in più.
A grandi linee ecco la mia mappa mentale di Torino:

aiquattroventi-mappamentale-torino

Venerdì sono stata nel Quadrilatero Romano e nel Quartiere Vanchiglia. Due realtà diverse: se il primo mi affascina per il profumo persistente di storia antica, l'altro mi riserva sorprese inaspettate - come la Fetta di Polenta.
In realtà si chiama Casa Scaccabarozzi, dal nome della moglie dell'architetto Antonelli, che l'ha progettata nell'Ottocento. Sì, quell'Antonelli che dà il suo nome alla Mole e alla cupola di San Gaudenzio a Novara.
È un palazzo portentoso: a base triangolare, è alto e lungo 27 m con una facciata di 5 m e il retro di soli 70 cm! Si dice che Antonelli l'abbia progettato e vi abbia abitato in seguito a una scommessa...

aiquattroventi-torino-fettadipolenta

Mi sono fermata, l'ho fotografato (nonostante la luce fioca), ho letto la targa e ho immaginato: ci sarà il bagno in quei 70 cm? Oppure un ripostiglio? La scala no di sicuro e nemmeno il salotto...

aiquattroventi-torino-casascaccabarozzi

Mi appunto mentalmente di informarmi, per saperne di più. Torino è una città tutta da scoprire: con calma, scarpe comode (ma eleganti) e tanta curiosità.

6 commenti:

  1. La Polenta a Torino mi mancava proprio! Da inserire nelle mappe :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una specialità antonelliana, tutta da gustare e stupire ;-)

      Elimina
  2. Ma dai!? Che cose insolite si scoprono :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cose insolite (e inaspettate) raccontano sempre delle storie simpatiche :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...